Garantire la massima sicurezza dei dati archiviati nel nostro computer è un obiettivo difficile da raggiungere. Ed è sbagliato ritenersi al sicuro e immuni da qualsiasi infezione solo perché abbiamo installato l’antivirus. Per quanto aggiornato, un programma simile è inefficace contro i nuovi malware che ormai spopolano in Rete. Questi programmi malevoli sono infatti in grado di nascondersi nei meandri del sistema, manipolando i processi in esecuzione o modificando i file che gestiscono la connessione a Internet. Ecco perché è utile usare un tool come HijackFree, in grado d’individuarli e tenerli alla larga dai nostri file.

ANALIZZIAMO LE FUNZIONI PRINCIPALI DI HIJACKFREE

1. La nostra arma segreta 2. Processi sotto controllo
1. Per avviare l’installazione del software, scompattiamo l’archivio a2HiJackFree.zip in una cartella dell’hard disk e poi eseguiamo il file a2HijackFreeSetup.exe. Basta seguire i passi della procedura guidata e cliccare su finish per avviarlo. 2. Diversi programmi vengono eseguiti in automatico all’avvio di Windows. Per controllare che siano tutti leciti, dal menu a sinistra dell’interfaccia clicchiamo su Esec. automatica: verrà visualizzato l’elenco dei processi attivi nel sistema operativo.
3. E tu, cosa stai facendo ? 4. Blocchiamo i traffici sospetti
3. Per essere certi che non vi siano eventuali intrusi, analizziamo in dettaglio tutti i software in esecuzione. Cicchiamo dunque sul link Processi e dal riquadro in alto selezioniamo il programma sospetto per visualizzarne le caratteristiche e le librerie. 4. Come risaputo, trojan, worm e spyware per trasmettere o ricevere informazioni agli Hacker informatici necessitano di un accesso a Internet. Per scovare questi ospiti indesiderati, cicchiamo su Porte e analizziamo i software che dialogano con l’esterno.
5. Collegamenti a prova di intruso 6. Ti tengo un pò in quarantena
5. Verifichiamo che nessun software dannoso abbia modificato il file hosts usato da Windows per gestire le connessioni. Cicchiamo su Altro/Hosts. se compare solo la voce 127.0.0.1 localhost è tutto OK, altrimenti cancelliamo quelle sospette. 6. Nella sezione Quarantena vengono elencati eventuali programmi o file potenzialmente dannosi. Se siamo certi della loro pericolosità, clicchiamo su Cancella per eliminarli definitivamente. Altrimenti possiamo riattivarli premendo Ripristina.
MAGGIORI INFORMAZIONI
SITO UFFICIALE DOWNLOAD

Leggi anche: