In internet spesso vengono pubblicizzati pacchetti come K-Lite che contengono una raccolta completa di codec. Certo si rivela una soluzione comoda, ma che occasionalmente crea problemi. Spesso i pacchetti di codec sono, almeno parzialmente, obsoleti, installano oltre il necessario e appesantiscono inutilmente il sistema. Inoltre, sovrascrivono automaticamente o rimuovono codec già presenti, spesso purtroppo anche quelli più aggiornati. Il nostro consiglio è lasciare perdere questi pacchetti.

ABILITARE WMP PER RIPRODURRE QUALSIASI VIDEO

1. Con MediaInfo a caccia di codec 2. Due pacchetti per risolvere i problemi
1. E’ preferibile installare solo il codec mancante. Se il player multimediale non riproduce il film, è preferibile andare alla ricerca del formato video, e come ? Portiamoci al seguente indirizzo e procediamo con lo scaricamento di MediaInfo una procedura guidata ci aiuterà durante la fase di installazione. Una volta installato basterà caricare il file multimediale per ottenere tutte le indicazioni necessarie.
 

2. Cliccando Vai al sito internet del codec per questo video, scaricheremo dal link il decodificatore adatto e, a quel punto, si riprodurranno i film tramite i player basati su DirectShow, come Windows media Player. Se vogliamo ottenere più informazioni, ovvero se e come DirectShow riproduce un determinati video, indirizziamoci allo scaricamento di GraphStudio.

Il nostro consiglio generico è quello di installare, per vedere film in Windows Media Player, la combinazione FFdShow-TryOuts e Haali Media Splitter che comprende anche codec video proprietari come RealVideo e QuickTime.

Ora anche il problema codec appartiene al passato !! Va ancora meglio se avete Windows 7, perchè l’ultimo sistema operativo comprende già una grande quantità di codec per Windows media Player. In ogni caso, anche chi utilizza player meno versatili rimarrà soddisfatto da VLC, che supporta nativamente tutti i filtri più diffusi e riproduce praticamente ogni tipo di formato Audio/Video.

MAGGIORI INFORMAZIONI
VEDI LINK NELL’ARTICOLO

Leggi anche: