Capita spesso che un determinato sito venga bloccato dalle regole del firewall aziendale. E’ impossibile collegarsi da un ufficio di un’azienda a youtube, facebook, myspace, twitter …? Allora questi siti sono stati bloccati dall’amministratore di sistema. In passato abbiamo visto diversi modi per bypassare questi limiti, ma oggi ne presentiamo altri due. Oltre questi siti, il cui blocco è anche comprensibile all’interno di azienda, spesso capita di non poter navigare in siti molto importanti ai fini produttivi come Wikipedia e similari. E allora quando troppo è troppo! Ecco altri comodi trucchetti da sfruttare in caso di blocchi da parte di amministratori di sistema.

COME FACCIO A VISUALIZZARE UNA PAGINA BLOCCATA DA UN FIREWALL RESTRITTIVO ?

1. Ping per risalire all’IP 2. Accesso direttamente dall’indirizzo IP
Il primo trucco che useremo, aggira la maggior parte dei firewall con filtro imposto dagli amministratori sull’ URL o il dominio. Il procedimento è quello di eseguire il ping del sito web da riga di comando, quindi basterà aprire il menu Start / Esegui e poi digitare cmd. Su Vista e Windows 7, basterà digitare cmd nella casella di ricerca del menu Start.

1. Una volta aperta la finestra di comando digitiamo ping www.sito.com, dove sito.com dovrà essere sostituito con il nome reale che si vuole raggiungere.

2. In questo esempio abbiamo scelto di pingare il social network più famoso al mondo “Facebook”. Come si può vedere dallo screen 1, il comando ha restituirà l’indirizzo IP. Quindi basterà aprire il browser e digitare nella barra degli indirizzi http://66.220.154.13 per bypassare il filtro.

3. Carichiamo la copia cache di google 4. Accesso aggiornato allo stesso giorno
3. Se ciò non ha funzionato possiamo procedere col trucco Google Cache. Su questa rete immaginaria stiamo bloccando questo sito e il suo indirizzo IP. Allora, cosa possiamo fare ? Digitiamo l’indirizzo del sito su google, ad esempio www.facebook.com e clicchiamo sul pulsante Cerca.

4. Google ovviamente restituirà pagine di risultati. Tutto quello che dobbiamo fare è cliccare su Copia Cache. In questo modo visualizzeremo il sito tramite la cache di google. Anche in questo caso se focalizziamo l’attenzione sulla barra degli indirizzi URL non è quella standard, ma bensì è seguita dall’indirizzo IP.

NOTA: Fateci sapere, utilizzando i commenti, se i metodi descritti aggirano i filtri imposti dagli amministratori di sistema

MAGGIORI INFORMAZIONI
SITO UFFICIALE

Leggi anche: