Per superare i pregiudizi di molti utenti affezionati alla filosofia Open Source, Skipe pare sia intenzionata a rilasciare una versione aperta del suo celebre client Voip. Le indiscrezioni che circolano in Rete confermano la volontà dell’azienda di “trasformare Skype per GNU/Linux in un’applicazione Open Source nel prossimo futuro e rendere il codice sorgente disponibile per tutta la community. Skype ha comunque preferito non fornire ulteriori dettagli sulla faccenda. E non è tutto.

PRESTO DISPONIBILI I SORGENTI DELLA GUI DEL CLIENT VOIP

L’azienda che porta avanti lo sviluppo del client rilascierà sotto licenza aperta soltanto il codice dell’interfaccia grafica e non quello relativo al cuore del programma, ossia il protocollo di comunicazione Voip conosciuto come Global Index. E di tutto ciò, Skype ha anche una spiegazione: il client non può essere completamente “Open” perchè Skype è “nei guai” con la legge. Non molto tempo fa, infatti, ha rischiato la chiusura a causa di presunte violazioni di copyright legate proprio a Global Index.

Secondo l’accusa (Joltid), avrebbe addirittura messo mano ai codici sorgenti del protocollo, ovviamente senza autorizzazione. Tuttavia, nel frattempo che si risolva la faccenda giudiziaria, anche uno Skype per GNU/Linux “quasi” Open Source potrebbe comunque consentire la creazione di client compatibili per altri sistemi derivati dal pinguino come Maemo e Google Chromium OS.

MAGGIORI INFORMAZIONI
SITO UFFICIALE

Leggi anche: