uTorrent è uno dei client torrent più amati dalla comunità del peer to peer, grazie all’uso efficiente della banda e il risparmio di risorse di sistema. Per fare un esempio, anche questa volta il software è contenuto in un singolo file da poco più di 300 KB e la richiesta di memoria per l’utilizzo è davvero molto limitata. uTorrent, in questa versione Beta 2.1 propone la risoluzione di alcuni bug come il crash durante l’aggiunta di un torrent avendone oltre 100 in lista, il miglioramento di velocità per chi era maggiormente penalizzato in precedenza e altre novità che analizzeremo nel corso dell’articolo.

TUTTE LE NOVITA DI UTORRENT 2.1 BETA

1. MINIFY INTERFACE

Cliccando qui possiamo minimizzare l’interfaccia di uTorrent e rendere più facile l’aggiunta di nuovi file torrent in download.

2. FALCON

Da qui possiamo attivare la nuova funzione Falcon per utilizzare il client Torrent da remoto, anche quando non siamo in casa.

3. SETUP AUTOMATIZZATO

In qualsiasi momento, dal menu Opzioni o tramite la combinazione di tasti Ctrl+G è possibile richiamare la nuova funzione Setup Guide che, tramite test automatizzati configura al volo e ottimizza uTorrent per la nostra connessione ADSL. E si scarica alla grande!

4.STREAM

Appena avremo scaricato un quantitativo di pacchetti tale da consentire di riprodurre l’anteprima di un file video, il pulsante Play nella colonna Stream diventerà di colore verde. Clicchiamoci sopra per avviarne la riproduzione.

5. MICRO TRANSFER PROTOCOL

Una delle caratteristiche più interessanti, introdotte nella versione beta di uTorrent 2.1, è senza ombra di dubbio il Micro Transfer Protocol (la cui sigla è TP). Ma come funziona e quali sono i vantaggi di questo nuovo protocollo? Ogni volta che utilizziamo un client P2P (in questo caso uTorrent), gran parte della banda della nostra connessione Internet viene dedicata al flusso dati generato da tali programmi (per il download e l’upload).

Molto spesso, però, accade che tale banda venga completamente intasata dal client, impedendoci di utilizzare qualsiasi altro software o servizio che necessita della connessione Internet (il browser Web non riesce più a caricare le pagine, i videogiochi “laggano da paura”, Skype ed Windows Live Messenger hanno difficoltà a connettersi alle reti…). Proprio per questo, molti ISP (ossia i Provider Internet, come Tele2), adottano delle tecniche di traffic shaping per controllare i flussi di dati della rete, ottimizzando le prestazioni nella trasmissione di alcuni pacchetti “necessari” e rallentando quelli che causano congestioni (come uTorrent).

Il Micro Transfer Protocol, quindi, è in grado di diminuire questo effetto grazie ad un sistema di controllo della Rete che, in presenza di overhead (sovraccarico), libera un certo numero di connessioni riducendo drasticamente il lavoro degli ISP. I vantaggi sono palesi: con una migliore gestione della banda Internet, molti provider possono finalmente tirare un sospiro di sollievo, consentire più libertà ai clienti che utilizzano il P2P e rendere possibile il file sharing anche su mezzi alternativi come le chiavette Internet, che in quest’ultimo periodo stanno riscuotendo molto successo ma le cui reti sono pesantemente filtrate dagli ISP per evitare i soliti problemi di saturazione.

MAGGIORI INFORMAZIONI
SITO UFFICIALE DOWNLOAD 2.1 BETA 19702

Leggi anche: