QUESTO ARTICOLO E\' DIVISO IN PIU\' PAGINE

GParted (che sta per Gnome Partition Editor) è un software proveniente dal mondo Linux che consente di gestire le partizioni degli hard disk ospitati dal PC anche se in esse vi sono già salvati alcuni dati. Il programma è in grado di creare, cancellare, ridimensionare, spostare, copiare e controllare le partizioni per mezzo di una gradevole interfaccia grafica che ricorda molto quella di Partition Magic, il riferimento principale per questa categoria di software. I Filesystem sono supportati con alcune limitazioni: il programma è in grado di eseguire qualsiasi compito sulle partizioni Ext2, Ext3, Ext4, Fat, Reiserfs e Ntfs con l’aggiunta di diversi programmi elencati nella pagina di supporto.

COM’E’ STRUTTURATO L’ARTICOLO?


COSA SERVE?

  • GParted LiveCD
  • Un CD vergine su cui masterizzare l’immagine ISO
  • Un masterizzatore

PRENDIAMO IN CONSIDERAZIONE UNA SITUZIONE COMUNE


Supponiamo che stiate provando la vostra prima edizione di Ubuntu live CD. Bene, vi piace così tanto che decidete di installarlo sul computer, momento di panico, ma come si fa? Nulla di più semplice. Dopo aver visto come partizionare il disco dal CD di installazione oggi vi proponiamo come farlo con GParted LiveCD.

Grazie a GParted LiveCD avremo l’opportunità di creare partizioni su un disco nuovo, ma potremo anche effettuare il resize non distruttivo di quelle esistenti. In particolare, nel corso dell’articolo impareremo a creare le partizioni necessarie per installare un sistema multiboot, nel caso specifico tratteremo il caso in cui sia Windows sia GNU/Linux siano presenti sulla stessa macchina. Nell’esempio ci serviremo di un disco vuoto, per cui dovremo scegliere noi stessi sia lo spazio da allocare, sia il tipo di partizione da creare e il File System.

CONTINUA

Leggi anche:

 

QUESTO ARTICOLO E\' DIVISO IN PIU\' PAGINE

« 1 2 3 4 Articolo Intero»