Se il proprio computer non è recentissimo, capita spesso che non riesca a riprodurre correttamente i video più recenti, quelli codificati partendo da sorgenti ad alta definizione, usando codec che richiedono un elevato impiego di risorse di calcolo. Ma se il PC non è in grado di sviluppare potenza sufficiente a vedere il filmato, non vuol dire che si debba per forza rinunciare. Una soluzione alternativa è ricodificare il filmato usando un codec più leggero, o riducendo la qualità del video. Ed è eseguibile senza spendere nulla, perché sono disponibili programmi gratuiti che pensano a tutto. Uno di questi programmi è VLC, noto soprattutto come riproduttore. In realtà, VLC incorpora anche un sistema di transcodifica, è cioè in grado di prendere un file video e trasformarlo in un file di formato diverso. Ecco come.

CODIFICARE I VIDEO NON RIPRODUCIBILI CON VLC

NOTA: Clicca sulle immagini per visualizzarle a grandezza naturale

1. Converti e Salva 2. Caricare il video desiderato
qui qui
1. Una volta installato VLC sul computer, lo si lancia con un doppio clic sull’icona collocata sul desktop. Apparirà la finestra principale, simile a quella di un qualsiasi programma di riproduzione. Per scoprire i “segreti” di VLC, basta andare nel menu Media e selezionare la voce “Converti/Salva“.

2. Si aprirà a questo punto la finestra per la scelta del file da transcodificare. Da qui, tramite il pulsante “Aggiungi” potete navigare nel vostro disco e selezionare il video che volete convertire in formato più leggero. Come si può notare osservando la voce “Filtro”, VLC è in grado di leggere la maggior parte dei formati video in circolazione.

3. Un nuovo profilo 4. Un nuovo codec video
qui qui
3. A questo punto, attraverso “Converti/Salva” e il pulsante “Crea un nuovo Profilo” si entra nella finestra che gestisce il formato del file di uscita. Qui, la prima cosa da decidere è il formato di “incapsulazione“, ovvero come sarà strutturato il file che “conterrà” il filmato convertito. Per rendere il filmato leggibile tramite un codec Microsoft (nativi su Windows e piuttosto leggeri come richieste di calcolo) scegliete “ASF/WMV“.

4. Si passa quindi a decidere il codec da usare per ricodificare il filmato. Per fare questo, si deve fare clic su “Codifica video“, e spuntare la casella “Video” per indicare al programma che si intende ricodificare il flusso dati video. Quindi si sceglie dai menu a discesa sulla destra la Codifica desiderata. I codec a basso impatto per la CPU sono tipicamente i più “anziani”, come MPG1, M-JPEG e WMV1, che usiamo in questo esempio.

5. Un novo bitrate 6. Codifica audio
qui qui
5. Successivamente, bisogna scegliere il Bitrate, ovvero la quantità di dati al secondo del flusso video. Gli 800 kbps proposti di default sono pochi se il fotogramma è grande (qui l’originale era sui 3.000), quindi o lo aumentate un po’, o provvedete a ridurre la misura del fotogramma tramite la voce “Ridimensiona“. In questo caso, dimezziamo la grandezza scegliendo “0,5“.

6. Il formato audio si può variare dall’apposita cartella “Codifica Audio“. Nella maggior parte dei casi l’opzione può essere lasciata disattivata, e l’audio originale (che non impegna a fondo il processore) verrà ricopiato nel nuovo file. Se invece volete comunque alleggerirlo, o armonizzarlo con il formato audio più usato per il codec video prescelto, spuntate “Audio” e scegliete il codec, il Bitrate e il numero di canali.

7. profilo predefinito 8. Codifica in corso
qui qui
7. Se non c’è bisogno di particolari ottimizzazioni, è anche possibile utilizzare un profilo predefinito per gestire tutti i parametri della ricodifica. Per esempio, per trasformare un video in HD in un file riproducibile anche da un computer non particolarmente potente, potete usare semplicemente il profilo Windows (wmv/asf), portando però prima il parametro Ridimensiona a “0,5” (Passo 5).

8. L’ultima cosa che resta da fare è scegliere il nome del file che verrà creato, e la posizione dove andrà registrato, usando la casella “Nome File” nella parte alta della finestra. A questo punto, un clic su “Avvia” attiverà il processo di transcodifica, alla fine del quale la nuova versione alleggerita del file sarà pronta da vedere sul PC.

MAGGIORI INFORMAZIONI
SITO UFFICIALE DOWNLOAD

Leggi anche: