Capita spesso, soprattutto navigando in Internet, di imbattersi in file video di cui non è immediatamente chiaro il codec necessario per riprodurli. A volte, i file sono stati creati in modo imperfetto e quindi anche il classico Media Player di Windows non solo non riesce a riprodurli, ma non riesce nemmeno a capire quale sia il codec da scaricare per poter riprodurre correttamente il file. Per casi come questo, abbiamo già visto la possibilità di utilizzare il codificatore di VLC, oppure MediaInfo. Oggi vi presentiamo il programma gratuito Gspot, capace di analizzare a fondo il file, rivelare i dettagli della codifica, e se necessario anche di provare l’effettiva rispondenza dei dati con ciò che i file dichiara di essere.

CON QUALE CODEC E’ RIPRODUCIBILE QUESTO VIDEO ?

NOTA: Clicca sulle immagini per visualizzarle a grandezza naturale

1. Download 2. Analizzare il file video
qui qui
1. Gspot non ha bisogno di essere installato: una volta scaricato, basta semplicemente assicurarsi che non sia in formato compresso (ZIP per esempio); se lo è, va scompattato in modo da creare una cartella il cui nome è Gspot seguito da un numero, che indica la versione. Al momento, la più recente è la 270a. Gspot inoltre aggiorna periodicamente il suo elenco di codec.

2. Per verificare quale codec è stato usato per un determinato video, basta lanciare Gspot e caricare il file da controllare nel campo in alto a sinistra. Gspot automaticamente analizzerà il file e darà il suo responso. Il nome del codec video, in particolare, appare in alto a destra, nella sezione video. In questo caso è XviD. La casella status indica che il codec non è installato nella macchina.

3. Installazione codec mancante 4. Verifiche e test
qui qui
3. Appurato quale codec serve, è possibile cercarlo su Internet e installarlo. È anche possibile installare direttamente un “codec pack”, ovvero un gruppo di codec e utilità già ottimizzato in modo da evitare sovrapposizioni spesso fonte di problemi. In questo caso abbiamo scelto di installare i Windows Media Codec Pack, una libreria molto completa. In alternativa se preferite installare il singolo codec basta portarsi al seguente indirizzo e procedere col download.

4. Ecco come cambia Gspot dopo l’installazione dei codec. La riga di status avverte che il codec necessario è installato, e per sicurezza si può procedere con un test: facendo clic sulle casella “Vid” numero 1 e poi 2, sotto l’etichetta “Proposed Codec Solutions and Test”, Gspot proverà il funzionamento del codec, e premendo 3 apparirà poco sopra una finestra di anteprima. Se tutto funziona, potete finalmente godervi il film.

MAGGIORI INFORMAZIONI
SITO UFFICIALE DOWNLOAD

Leggi anche: