Spesso capita di dover eseguire ripetutamente una data sequenza di comandi. Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento e, spesso, sorgente di errori, proprio per questo i file batch consentono di automatizzare questo tipo di operazioni, facendoci risparmiare tempo prezioso. In questo articolo impareremo a scrivere un file Batch e impareremo le potenzialità che offre questo linguaggio.

FASE 1: CREARE UN FILE BAT

un file che contiene testo, la cui estensione è “bat”. Quando si esegue un file batch, il DOS legge ad una ad una le righe in esso contenute e le esegue come se fossero state digitate sulla tastiera. Nei file batch è possibile utilizzare tutti i comandi normalmente usati in fase interattiva più alcuni altri riservati a questo uso particolare.

Per creare un file batch, basterà cliccare col tasto destro del mouse sul desktop, scegliamo Nuovo/Documento di Testo e successivamente selezioniamo File/salva con nome. Dal menu a tendina della sezione “Salva Come” selezioniamo “Tutti i file” e digitiamo un nome a nostra scelta seguito dall’estensione “.bat”.

FASE 2: ALCUNI CODICI UTILI PER IL NOSTRO ESEMPIO

Supponiamo di avere spesso problemi di rete. Quotidianamente apriamo il prompt dei comandi per scrivere cose come “ipconfig” o il ping di Google per al problema. Dopo un po’ ti rendi conto che sarebbe più efficiente scrivere un semplice file BAT. Ecco sette comandi utili per incominciare a familiarizzare col problema esposto precedentemente:

  • TITLE: Nome per la finestra del file BAT
  • ECHO OFF: Il DOS visualizza le singole linee prima di eseguirle. Questo è molto utile per capire cosa sta succedendo ma può creare confusione sullo schermoL’istruzione @echo off nasconde tutte le righe di comando successive.
  • ECHO: abilita la visualizzazione, all’esecuzione, delle righe del file batch; inoltre consente di visualizzare messaggi sullo schermo.
  • PAUSE: sospende temporaneamente (fino alla digitazione di un tasto) l’esecuzione del file batch. Visualizza il messaggio: Premere un tasto per continuare.
  • CLS: Cancella la finestra DOS (utile se le cose diventano troppo ingombranti!)
  • IPCONFIG: Il comando ipconfig permette di conoscere il proprio indirizzo IP, quello del SUBNET MASK e del GATEWAY
  • PING: Se si verificano problemi di connettività, è possibile utilizzare il comando ping per controllare l’indirizzo IP che si desidera raggiungere e registrare i risultati della verifica. Il comando ping indica se è stata restituita una risposta dalla destinazione e quanto tempo è trascorso prima di riceverla. Se si verifica un errore nella consegna, il comando ping visualizza un messaggio di errore.

FASE 3: UN PO’ DI LOGICA PRIMA DI PROGRAMMARE

Abbiamo bisogno di pianificare il nostro programma. Ogni buon programmatore pensa prima al quadro generale della sua creazione, questo impedisce loro di commettere errori di logica. Per questo programma, vogliamo verificare i computer di rete e le impostazioni internet con il comando “ipconfig/all”, e poi rivedere tali informazioni dando il tempo all’utente di leggerle. Poi, vogliamo eseguire il ping google.com per capire se abbiamo veramente accesso a Internet. Faremo mettere in pausa il programma, perché vogliamo sapere con certezza i risultati.

FASE 4: SCRIVI IL TUO FILE BAT

OK, programma molto semplice, molto semplice la logica. Let’s go !

ECHO OFF
ECHO Come amministratore di rete, mi sto stancando di dover digitare questi comandi! Speriamo che questo mi farà risparmiare tempo in futuro.
:: Stampa del testo
IPCONFIG /ALL
:: Informazioni di rete
PAUSE
:: Consente all’utente di leggere le informazioni di rete
PING www.google.com
:: Ping google per capire se abbiamo accessso a internet!
ECHO All done pinging Google.
:: Stampa del testo
PAUSE
:: Dare all’utente il tempo di vedere i risultati.

FASE 5: ESEGUIRE IL FILE BAT

Salviamo il file appena codificato (o fate copia/incolla, verrà eseguito come scritto), e facciamo doppio clic su di esso. L’output dovrebbe essere qualcosa di simile alla schermata qui sopra. Congratulazioni! hai scritto un file batch con successo. Se volete ulteriori informazioni sui file bat, vi consiglio di consultare i comandi disponibili per questo linguaggio.

NOTA: Ora potreste essere interessati a eseguire backup automatici e incrementali creando un file .BAT, vai all’articolo.

MAGGIORI INFORMAZIONI
SITO UFFICIALE

Leggi anche: