Se i prezzi esagerati dei prodotti Apple ti hanno sempre tenuto lontano dall’acquisto di un Mac, ma nello stesso tempo avete il giusto spirito d’avventura e la voglia di sporcarti un po’ le mani, allora puoi costruirti da te il tuo “Hackintosh” – un PC che ospita una versione Patchata del OS X Leopard. Cosa ?,ma che dici ?La mossa della Apple nel 2006 di passare ai processori Intel fa si che diventa ora possibile far girare l’OS X su macchine con hardware non Apple, ed è stata fondata una comunità, la OSx86, con questo obiettivo in mente. Da allora, la OSx86 ha fatto dei passi da gigante, facendo si che dei comuni “mortali” – come me e voi – potessero costruire da se un “Hackintosh” con tanto di SO Mac OS 10.5.

Dadomike uno dei grandi ragazzi del forum Chicche di Cala & Friends ha tradotto per noi uno degli articoli più interessanti e utili degli ultimi anni. Io da parte mia ho cercato di schematizzarlo e semplificarlo il più possibile. Ora vi spiegherò come costruire e mettere in funzione il vostroPC con sistema operativo Leopard” dall’inizio alla fine per un prezzo intorno i 500€. In questo momento il Mac meno costoso è il Mac Mini con un processore da 1,83GHz, 1GB di RAM ed un HD da 80GB (venduto a 600€). Pensate che spendendo meno otterrete un “Hackintosh” molto più potente con processore da 2,2 GHz, 4GB di RAM ed un HD da 500GB con un cabinet per poter espandere la vostra configurazione hardware a piacere nel futuro. Ora vi illustrerò come assemblare un Mac “Fai-da-te”, preparatevi a perdere un po’ di tempo a questo progetto. Spiegherò tutto passo-passo dall’inizio dei lavori hardware fino all’applicazione dell’ultima patch software per rendere le cose le più semplici possibile.
HARDWARE da comprare

NON esiste una configurazione ottimale da dove partire, quindi siete liberi di sperimentare quanto volete, magari la vostra configurazione verrà fuori ancora più potente della mia. Posso cmq assicurarvi che su questa configurazione hardware Leopard girerà alla grande.

build-parts.JPG
Per facilitarvi il compito ho fatto un elenco di tutta l’hardware utilizzata in una lista dei desideri , ma potete comprare tutto nel negozio desiderato, ecco cosa:

  • 1 processore 2,2GHz Intel Core 2 Duo,
  • 4GB di RAM (4 banchi da 1GB),
  • 1 scheda madre ASS P5W DH Deluxe (i test sono stati fatti con questa scheda , quindi non cambiatela)
  • 1 scheda video GeForce 7300GT (la stessa montata di serie sulla configurazione Mac PRO),
  • 1 HD da 500GB, un masterizzatore DVD, ed un cabinet Antec Sonata (la preferisco per via dell’aspetto gradevole e le ventole particolarmente silenziose).
Come assemblarlo

Ora che avete tutti i pezzi è arrivato il momento di iniziare l’assemblaggio, se non siete sicuri di ciò che fate, in qualsiasi momento consultate un qualche manuale che possa aiutarvi, e ricordo a tutti di fare molta attenzione all’elettricità statica.

1) Installate la scheda madre e la CPU

Unica differenza dal collegamento classico, invece di agganciare il dissipatore, questo va inserito a scatto, per maggiori info consultate il manuale d’istruzioni fornito sia con la scheda madre che con il CPU.

2) Installate la RAM

La RAM va inserita a coppie, negli slot di colore uguale, non è fondamentale per il buon funzionamento, ma solitamente risulta essere più performante.

3) Installare la scheda Video

La scheda PCI Express va inserita nello slot superiore di colore arancione.

4) Installare l’HD ed il masterizzatore DVD

L’HD è un SATA che non è il tipo di HD messo nel libretto d’istruzioni (ma funziona ugualmente). Basta collegare un cavo d’alimentazione SATA all’HD e poi collegare l’HD alla scheda madre, al connettore rosso SATA1. Fate lo stesso con il masterizzatore DVD ma collegatelo ad un’altro connettore SATA presente sulla scheda madre (e.g. SATA4). Quando avete finito, il cabinet aperto dovrebbe somigliare a quello della foto. Lì manca ancora l’HD ed il masterizzatore e mancano i collegamenti rimanenti della scheda madre. (potete installare altri componenti aggiuntive se volete e.g. un connettore firewire sul retro) Per controllare se tutto funziona collegatelo ad un monitor ed ad una tastiera ed accendete. Se il PC si avvia nel BIOS, schiacciando Del al prompt, allora siete pronti per la fase successiva. Se non si avvia dovrete ricontrollare tutti i collegamenti, soprattutto la RAM.

nearly-finished-build.JPG
Durante l’installazione io mi sono imbattuto in un alimentatore bruciato già di fabbrica. Siccome non avevo gli attrezzi per verificare subito il corretto funzionamento, questo mi è costato un viaggio dal tecnico ed una lunga serie di controlli per venirne a capo. Ricordate che quando si assembla un PC da se, dovete sapere che i problemi possono sempre capitare, quindi se non siete pronti ad affrontarli e risolverli allora riflettete bene prima di iniziare. Detto questo, aggiungo che ho assemblato diversi PC in passato e solo in questo assemblaggio ho avuto problemi, quindi è probabile che per voi vada tutto liscio. Male che vada comunque potete sempre portare tutto il materiale a qualche negozio di PC e per pochi Euro ve lo divrebbe assemblare senza problemi. In ogni caso, se siete riusciti ad entrare nel BIOS, allora siete pronti per la Pre-installazione.
La Pre-Installazione

Prima cosa da fare, bisogna fare il tweak del BIOS per lavorare al meglio con Leopard. Seconda cosa, bisogna patchare il DVD di Leopard per installarlo sul vostro “Hackintosh”

Come fare il Tweak del BIOS :

ide-config.JPG
Prima cosa da fare è aggiornare il BIOS.

  • Basta andare sul sito ufficiale ASUS, individuare il BIOS aggiornato della scheda madre scaricarlo su pendrive e caricarlo nel setup del BIOS.
  • Per farlo, una volta nel BIOS selezionate EZ Flash2 ed Invio.
  • Ora basta individuare la pendrive ed installare il nuovo BIOS, il PC si riavvierà da solo.

Adesso che il BIOS è stato aggiornato siete pronti alla configurazione seria.

  • Se avete collegato HD e DVD come vi ho indicato li vedrete nel BIOS come Terzo IDE Master e Quarto IDE Slave (non vi preoccupate del fatto che l’HD non viene indicato come Primary IDE Master).
  • Scorrete in giù fino ad IDE Configuration e premete Invio
  • Nella configurazione settate “Configure SATA as AHCI.
  • Premete Esc e tornate alla schermata principale.
  • Ora col tasto freccia dx spostatevi all'”Advanced Tab“.
  • Nella “Advanced Section” andate a “Onboard Devices Configuration” e settate “JMicron SATA/PATA Controller” su “Disabled“.
  • Ora scegliete il tab “Boot” per configurare la priorità di boot (ciò dice al pc in quale ordine deve avviare i drive).
  • Andate in “Boot Device Priority” e settate il vostro masterizzatore DVD come Priority One e l’HD come Priority Two.

Fatto ? Allora siete pronti a patchare il vostro DVD di Leopard.

Patchare manualmente Leopard per il vostro Hackintosh
Ci sono 2 modi per ottenere una versione patchata del sistama operativo Leopard:
Il primo, e più facile è quello di scaricare “Leopard_Patched_DVD.iso” già patchato dalla rete Torrent. (CONSIGLIATO)
Il secondo è quello di patcharlo da se, che è molto meno difficile di quanto possa sembrare.
Se optate per la prima soluzione, potete saltare questa sezione e passare a quella successiva.
Se optate per la seconda continuate a leggere. (ESPERTI)
Per patchare il disco di Leopard avrete bisogno di un Mac ed un immagine pre-patchato di Leopard o scaricandolo dalla rete Torrent o acquistando il SO per poi ripparlo sull’HD. Qualunque cosa scegliate, posizionate l’immagine rippato sul desktop col nome di “osx-leopard105.dmg“. E’ arrivato il momento della patchatura. Per farlo dovete procurarvi i “patch files” (creati da BrazilMac del forum di OSx86, il quale ha creato un bundle di patch con tanto di guida all’installazione, che ho seguito anch’Io), li potete scaricare da qui sotto “Files For This Guide” in cima alla pagina. Dopo averli scaricati, scompattateli sul desktop (contiene 2 files e 3 Cartelle in totale).
Ora aprite “9a581-path.sh” shell script nel vostro editor di testo. In cima al file, rimpiazzate XXX con il tuo nome utente per il tuo Mac (in modo che segue il percorso del desktop). Per esempio il mio dovrebbe essere :
APDIR=/Users/adam/Desktop DMG=”/User/adam/Desktop/osx-leopard105.dmg”
Visto che ci siamo editiamo “9a581PostPatch.sh”. Questa volta volta modificheremo la quarta e quinta riga dall’alto :
PATCH=”/Volumes/LeopardPatch/leopatch/” # percorso alle estensioni patchate LEO=”/Volumes/Leopard” # percorso all’installazione di Leopard
Salvate e chiudete entrambi i files.

Finalmente è arrivata l’ora di patchare il DVD. Aprite “Terminal“, digitate sudo-s, immettete la vostra password amministrativa (il login password). Digitate cd Desktop, quindi invio. E’ il momento di applicare la patch. Tenete a mente che avrete bisogno di parecchio spazio sull’HD per poter patchare. Io avevo circa 20GB di spazio libero ma credo ve la potete cavare anche con qualcosina in meno.
Per eseguire la patch digitate :

./9a581-patch.sh
Quindi invio. La patch verrà eseguita, ciò significa che avrete un po’ di tempo libero. Sarete un po’ stanchi a questo punto quindi prendetevi una pausa e rilassatevi. NON ho cronometrato ma sul mio MacBook Pro c’ho messo quasi un’ora.

Se avrete problemi con la patch ed avete meno spazio libero, provate a liberare un po’ di spazio e riprovate. Quando avrete terminato la fase di patchatura, dovreste vedere sul vostro desktop : Leo_Patched_DVD.iso del peso di circa 4,698,669,056 bytes.

Ora dobbiamo masterizzare l’immagine .iso su un DVD.

burn-install-disc.png
Per fortuna la patchatura rimuove un sacco di files ormai inutili, siamo passati dai 7GB del DVD di installazione a soli 4,38GB, sufficienti da entrare in un DVD a strato singolo (DVD 5). Per masterizzare l’immagine, inserire un DVD vergine nel masterizzatore, selezionare il Leopard_Patched_DVD.iso file nella sidebar e cliccare sul tasto Burn (Masterizza). Una volta finito, siete pronti per l’installazione del SO vero e proprio. Un’ultima cosa prima di iniziare. Copiate le varie patch che avete appena scompattato dal desktop ad una chiavetta USB e rinominate la chiavetta LeopardPatch. Ne avrete bisogno per la post-installazione successivamente.
L’Installazione del DVD Leopard già patchato (Leo_Patched_DVD.iso )

Se avete seguito tutti i passaggi, dovreste essere pronti a spararvi l’installazione del vostro DVD Leopard patchato.

  • Accendete il vostro “Hackintosh”, inserite il DVD, e si avvierà il processo di boot (avete messo il drive DVD come primo boot vero ?).
  • Il prompt vi chiederà se installare (schiacciando un tasto qualsiasi) o accedere alle opzioni con F8. Pigiate F8.
  • Ora vedrete il prompt boot : digitate -v -x e schiacciate Invio (non chiedetemi perché, ma è l’unico modo di far bootare il DVD d’installazione, almeno, nel mio caso.
  • Senza l’uso di quest’opzione l’installazione si bloccava e restava in attesa dell’impulso per avviarsi senza mai partire).
  • A questo punto dovreste vedere del testo in scrolling nel monitor.
  • Potreste notare delle segnalazione di errori. NON vi allarmate; lasciate che continui.
  • Dopo diversi minuti l’installer grafico Leopard apparirà a schermo.
start-disk-utility.png
Formattare il drive d’installazione:

So che a questo punto siete molto impazienti per iniziare l’installazione, ma prima c’è una cosa da fare la formattazione dell’HD per prepararlo all’installazione di Leopard.

  • Andate su Utilities nella barra menù e selezionate Disk Utility (se non avete ancora il mouse funzionante potete ancora accedere alla barra menù dalla tastiera.
  • Una volta che si avvia il Disk Utility, procedete nella formattazione dell’HD.

Ecco come :

  1. Selezionate il vostro HD nella sidebar di sx.
  2. Cliccate sul tab “Partition“.
  3. Scegliete il Volume Scheme ad una partizione, dategli il nome di Leopard, e scegliete Mac OS Extended (Journaled) come format.
  4. Per ultimo, cliccate sul tasto Options e scegliete Master Boot Record come schema di partizione.
  5. Ora che l’HD è pronto lo siete anche voi.
mbr.png
Installare Leopard

  • Seguire le indicazioni a schermo e scegliete la partizione Leopard appena creata come destinazione.
  • Poi, prima di fare l’ultimo clic sul tasto installa, cliccate su Customize e deselezionate tutti i font addizionali, le traduzioni delle lingue, ed X11.
  • Questi componenti sono stati rimossi per far entrare tutto sul DVD patchato, quindi non li installeremo ora.
  • Cliccate su installa ed andatevi a prendere qualcosa da bere.
  • Dopo circa 10 minuti il Leopard avrà finito di installarsi, lasciandovi un’unica cosa da fare prima di poterlo avviare.
Post – installazione
install-success1.png
  • Dopo l’installazione il computer si riavvierà in automatico.
  • Sfortunatamente non siete ancora pronti per avviare Leopard ancora, rimane una cosa da fare ancora.
  • Inserite la chiavetta USB con sopra le patch copiate in precedenza e, come l’altra volta,
  • Pigiate F8 al prompt del DVD.
  • Digitale di nuovo -v -x al prompt di boot ed inviate.
  • Quando il dischetto d’installazione ha finito di caricare andate in Utilities nella barra menù e selezionate Terminal.
  • E’ l’ora di applicare la patch di post-installazione.
post-patch.JPG
Quando il Terminal carica, digitate cd/Volumes/LeopardPatch al prompt e schiacciate invio per poi andare nel directory della patch.

Ora, proprio come avete patchato il disco d’installazione, digitate

./9a581PostPatch.sh
  • ….schiacciate invio.
  • Lo script inizierà a copiare e spostare files a destra e a manca (rispondete yes ai prompt)
  • Una volta finito apparirà il prompt di riavvio richiesto.
  • Al riavvio potete avviare ed entrare in Leopard.
OSx86 sul vostro Hackintosh

Fate riavviare il computer, non togliete il DVD d’installazione nel drive. Quando appare il prompt del DVD questa volta, lasciate che il conto alla rovescia termini. Quando finisce l’installazione di Leopard sarà completa, si avvierà automaticamente. Ce l’avete fatta !

about-my-mac.png
Da questo momento in poi state facendo girare Leopard sul vostro PC esattamente come se stesse girando su Mac. Sarete tempestati di messaggi di benvenuto in diverse lingue, manco vi stesse stringendo la mano Steve Jobs in persona per il buon lavoro appena fatto. Tutto il vostro hardware dovrebbe funzionare come se stesse supportando un SO della concorrenza. Il suono, la lan, ed il video vanno a meraviglia (non ho ancora testato di persona la scheda Wi-Fi, ma tutti dicono che funziona senza alcuna esitazione). I vostri iPod si auto-sincronizzeranno senza problemi ed i CD e DVD verranno masterizzati normalmente. Dal punto di vista software, e-mail, contatti, iTunes e tutti gli altri software che ho provato hanno svolto il proprio lavoro senza pecche. Firefox naviga, Quicksilver lavora, Spaces va, Stacks funge, Cover flow scorre e Quick Look fa i preview. NON ho ancora provato Time Machine, ma i commenti dicono che non ha problemi.

Aggiornamento: dopo che hai completato l’installazione puoi seguire questa guida per aggiornare leopard alla versione 10.5.1

Ma effettivamente, Come Funziona ?

http://lifehacker.com/assets/resources/2007/11/hackintosh-with-lifehacker%201-thumb.png
Sto ancora cercando di mettermi a mio agio in questo SO, sto pensando di mettere insieme dei benchmark al più presto per facilitarvi il compito di capire se la macchina gira effettivamente a livello di un Mac, ma al momento sembra che sta addirittura vincendo il confronto.

Aggiornamento: ecco i risultati del mio Hackintosh contro un Mac Pro and MacBook

L’unico problema che ho riscontrato al momento è che il SO non si avvia senza il DVD di Leopard nel lettore DVD. NON è un grosso problema, almeno per me, ma è una cosa fastidiosissima. Ho trovato questo post nel forum OSx86 (vicino la parte inferiore del primo post nel thread) ma non l’ho ancora provato. Se e quando lo farò, vi aggiornerò. Ed eccovi alla fine. E’ un gran lavoro, senza dubbio, ma è anche il Mac con il miglior rapporto Potenza/Dollaro che abbia mai usato. Se avete delle esperienze da condividere riguardo costruzioni di Hackintosh vostri o se avete delle domande da pormi, fatevi avanti ed aggiungete dei commenti. connubio azzeccato. La guida è così terminata, se decidete di seguirla e vorrete fornire un contributo potreste ad esempio girare un video delle operazioni che provvederemo a pubblicare in questo articolo con il vostro nome.

MAGGIORI INFORMAZIONI
FONTE

Leggi anche: